L'intervento

L'intervento è preceduto da un'accurata pianificazione. L'osso ricevente è misurato tramite specifiche radiografie per determinare le dimensioni (lunghezza, diametro) nonché la posizione ideale dell'impianto.

L’intervento di implantologia, cioè l'inserimento dell'impianto, è un'operazione chirurgica di ca. 45-90 minuti, eseguita in condizioni di asepsi. L'intervento sotto anestesia locale è assolutamente indolore. Nonostante l'assenza di dolori molti pazienti provano una certa ansia nei confronti di tali trattamenti. E’ possibile in questo caso usare farmaci a leggera azione sedativa che permettono di affrontare l’intervento in condizione di tranquillità.

E’ possibile anche operare in sedoanalgesia generale nel nostro Studio con il supporto di anestesisti altamente qualificati.

Quando il tessuto è insensibile, la gengiva è delicatamente aperta tramite un'incisione. Con una serie di frese calibrate si prepara il letto ricevente nell'osso. (vedi Figura 1)

Per evitare un surriscaldamento dell'osso, la preparazione avviene sotto irrorazione continua con soluzione fisiologica sterile. L'impianto adatto viene quindi scelto e inserito nell'osso avvitandolo cautamente. La gengiva sopra l'impianto è richiusa con delle suture e può essere applicata una protesi provvisoria (fissa o mobile). (vedi Figura 2)

scopertura dell'impianto endosseo

Dopo una fase di guarigione di normalmente 6-12 settimane, l'osteointegrazione dell'impianto è completa e la testina dell'impianto viene scoperta con un piccola apertura. Per questa scopertura utilizziamo frequentemente il laser che garantisce un trattamento indolore nonché una perfetta rimarginazione della ferita. Dopo la presa d'impronta dell'impianto, l'odontotecnico costruisce la struttura protesica sorretta dall'impianto (corona singola, ponte o protesi mobile). 

In casi particolarmente favorevoli è possibile lasciare, fino dal primo momento, l’impianto leggermente sopragengiva utilizzando una prolunga avvitata. Questa tecnica permette di evitare la fase di riapertura descritta in precedenza.