Domande e risposte sull'implantologia

Quanto dura un impianto dentale?

La durevolezza a lungo termine degli impianti è soggetta di studi scientifici da ca. 30 anni. I risultati finora ottenuti lasciano supporre che gli impianti in situazioni ottimali possano durare a vita. Condizione: un'accurata igiene orale e controlli regolari.

 

Chi può essere trattato con impianti?

Principalmente quasi tutti i pazienti possono sottoporsi ad interventi d'implantologia. L'età di per sé non è una controindicazione all'uso degli impianti se non sussistono gravi problemi di salute.

 

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell'implantologia?

Grazie agli impianti oggi è possibile inserire delle protesi fisse ed estetiche anche nei casi più difficili. A differenza dei ponti tradizionali gli impianti non richiedono la preparazione (limatura) dei denti attigui. Gli impianti preservano l'osso alveolare prevenendo così l'atrofia ossea. Con 2-4 impianti si può fornire un ancoraggio stabile alle protesi totali.

Uno svantaggio è la necessità di un intervento chirurgico, come anche il tempo di attesa nella fase di guarigione. In alcuni casi i trattamenti implantari possono causare costi maggiori rispetto alle soluzioni tradizionali.

I pro e i contro vanno sempre vagliati bene prima di decidersi per una terapia implantare.

 

È doloroso il trattamento implantare? Che cosa devo aspettarmi dopo l'intervento?

L'intervento eseguito in anestesia locale è assolutamente indolore. Su richiesta operiamo anche sotto sedazione cosciente o in narcosi generale. Nei primi giorni postoperatori ci si deve aspettare dolori di lieve entità, facilmente controllabili con farmaci antidolorifici. È normale un gonfiore più o meno pronunciato per 3-5 giorni, talvolta si forma anche un ematoma sottocutaneo che si riassorbe rapidamente.

 

Quanto tempo bisogna aspettare fino all'osseointegrazione degli impianti?

Il tempo necessario all’integrazione degli impianti nell'osso senza protesizzazione, dipende dalla qualità dell'osso stesso, dal numero, diametro e dalla lunghezza degli impianti. In condizioni ideali è possibile anche un carico immediato degli impianti. Altrimenti è necessario attendere solitamente 6-12 settimane per il carico protesico. Noi provvediamo di solito alla fabbricazione di una protesi provvisoria fissa o mobile già prima dell'intervento per non lasciare il paziente senza denti neanche per un giorno.

 

Ma il fumo è davvero così nocivo per i portatori di impianti?

Oggi si sa che i forti fumatori (più di 10 sigarette al giorno) hanno un rischio più elevato di perdere un impianto dei non fumatori. Sopratutto per gli interventi più complessi con innesti ossei la probabilità di complicazioni è maggiore nei fumatori.

 

Quali sono le differenze fra i vari sistemi implantari?

Ci sono centinaia di produttori di impianti dentali sul mercato, ma solo pochi sono in grado di fornire dati scientifici a lungo termini sui loro sistemi. Gli impianti dentali da noi utilizzati provengono dai leader di mercato Nobel-Biocare e Anthogyr e sono avallati da numerosi studi internazionali. I produttori garantiscono inoltre la disponibilità a lungo termine della componentistica. Questo è fondamentale, quando, per esempio, si usura o rompe qualche microcomponente di connessione fra impianto e protesi.

 

È credibile la pubblicità che promette "denti fissi in un solo giorno"?

Come si sa, non tutte le promesse pubblicitarie corrispondono alla verità. Il carico immediato degli impianti, senza aspettare il periodo di guarigione, implica un notevole guadagno di tempo per il paziente. Il vantaggio di non dovere portare delle protesi provvisorie per un tempo prolungato vale soprattutto per le estese riabilitazioni implantari con molti denti coinvolti.

Dall'altra parte ci sono rischi insiti in questa procedura che vanno soppesati per ogni singolo caso. Noi adoperiamo la metodica del carico immediato soltanto nei casi in cui i vantaggi per il paziente prevalgono nettamente.

Non dimentichiamo che statisticamente la percentuale di successo degli impianti con carico immediato diminuisce di molto, passando da 95% a 75% di risultati positivi.

 

È importante avere cura degli impianti?

Per gli impianti vale la stessa regola che vige per i propri denti: La buona igiene orale è imperativa per la longevità sia dei denti che degli impianti. Gli interstizi fra gli impianti vanno puliti con degli scovolini interdentali. Le nostre igieniste dentali vi consigliano volentieri le tecniche più appropriate di igiene orale.